Narratografo, cantastorie del Molise

Coi suoi silenzi, il Molise è la terra del racconto. La taverna, la piazza, la chiesa, il gradone di casa, la bottega sono posti dove c’è sempre un pensiero da tramandare, una storia da condividere, una lacrima da piangere o un sorriso da rallegrare. È la terra del racconto perché, volendo, il ritmo del tempo consente di trovare anche un solo momento per parlare con le persone del posto e con quelle di fuori, con gli adulti e con i bambini.

Narratografia



NARRATOGRAFIA

La narratografia è la pratica - più che l'arte - di raccontare l'umanità nel proprio contesto tramite la NARRAzione e la fotoGRAFIA.

Una buona narratografia si può compiere solo dopo aver vissuto determinate esperienze umane nella loro dimensione, semplice e pura; richiede gentilezza, condivisione, pazienza, ascolto e osservazione. Non esiste un metodo narratografico ma solo un approccio sincero e la predisposizione all'incontro che vale la pena trasmettere soprattutto ai bambini e ai ragazzi per affrontare la vita con maggiore empatia.


NARRATOGRAFIA E TERRITORIO

Il concetto di narratografia - dunque la figura del Narratografo - è nata visitando il Molise e la sua gente raccontandone, poi, le particolarità con brevi storie e fotografie sincere ed essenziali. Di fatto, questa terra vive con lentezza e genuinità il trascorrere del tempo nei passi e nelle fatiche di gente operosa e ospitale. Nel Molise c'è ancora il tempo per il racconto e la fiducia verso lo sconosciuto con cui condividere una parola, un paniere di uova fresche e un bicchiere di vino novello. Ognuno, nel proprio paese, è operaio, artigiano e artista con piccole soddisfazioni e poca notorietà...è sufficiente la passione!

Lo scalpellino, il carbonaio, il mastro ferraro, l'erborista, il contadino coi suoi ciucci, il sarto. Non sono uomini incompresi di una terra minore: sono una testimonianza di umanità preziosa, acuta nell'ingegno.

Con la pratica della narratografia, tutto questo diventa storia ma anche stimolo a non lasciare che tali ricchezze umane vadano perdute.


NARRATOGRAFIA E BAMBINI

Il Molise era ed è una terra di partenze, raramente una terra di arrivi giacché l'offerta produttiva e occupazionale è decisamente carente. Tralasciando le ricadute negative a tal riguardo, sono molti gli aspetti positivi di cui bisogna tenere conto: i piccoli insediamenti hanno salvaguardato la natura che si propone selvaggia e incontaminata; la cultura locale appare ben custodita in quanto a dialetti, tradizioni, pratiche, modi di vivere; la vita è in perfetta sintonia con i ritmi umani offrendo modi alternativi e pieni di vivere il tempo; i paesi sono comunità e identità.

La narratografia ha come obiettivo quello di condividere e far conoscere gli aspetti e i valori della terra di Molise in modo che, quando molti dei nostri futuri uomini saranno portati ad andare altrove per cercare realizzazione e fortuna, partiranno con la consapevolezza di lasciare un posto ricco...a suo modo.

: : : Mappa delle Narratografie e delle Poesie nascoste : : :